X
Menu
X

Youtube vs Backstage: perché il fashion non è solo “stampare volti a ripetizione” secondo Valeria Orlando

Youtube vs Backstage: perché il fashion non è solo “stampare volti a ripetizione” secondo Valeria Orlando

La lunga chiacchierata con Antonio Priore, oltre a suscitare qualche dibattito diplomatico, mi ha spinto a proseguire su questa linea chiamando in causa Valeria Orlando.

beauty-make-up-by-valeria-orlando

Make Up by Valeria Orlando

Dopo averla conosciuta, aver testato i suoi prodotti e partecipato al fashion workshop lo scorso Marzo, ho pensato che la sua esperienza nella moda potesse essere d’ispirazione per molti truccatori o aspiranti tali.

Partendo proprio da alcune affermazioni fatte da Priore circa lo “stampare volti a ripetizione” , come risponderesti a chi invece ha come unico sogno proprio le sfilate?

“Ciao Anna, è sempre un piacere rilasciare un’intervista che può aiutare le giovani leve a sentire cosa ne pensa una veterana che ha lavorato e continua a lavorare sui set di moda e sulle passerelle internazionali.

Sicuramente chi ha come obiettivo il mondo del fashion deve avere un requisito in più rispetto a chi decide di seguire la profumeria o il wedding: “LA VELOCITÀ’”.
È imperativo! Nel backstage di una sfilata i tempi sono veramente serrati, normalmente si hanno dai 20 ai 30 minuti per preparare la modella, lo staff non supera mai gli 8/9 Make-up artists oltre la Key Artist, e le modelle variano tra le 30 e le 50. C’è anche da considerare che le convocazioni in backstage sono 3 ore prima, e di media un’ora viene assorbita per le prove di passerella. Nel più classico degli scenari c’è da accaparrarsi le modelle quanto prima, per essere certi di fare il proprio lavoro e di farlo bene. Dunque, in sole 2 ore bisogna completare l’intero look e, visto che spesso Hair Stylist e MUA sono figure distinte, nasce tra i 2 staff anche la lotta a chi conquista prima le modelle.”

intervista-valeria-orlando-make-up-artist-donatella-versace-anna-marchese-vor-makeup-newyork-fashion-week-ss-2017-01

Valeria Orlando during New York Fashion Week – ss 2016

E’ davvero un contesto così freddo e meccanico? Tu che sostieni progetti emotivi, Clownville ne è un esempio, ma sei allo stesso tempo Key Artist della New York Fashion Week, come interpreti quella frenesia?

“Quando si parla di Moda non si fa riferimento solo alle “catwalk”, ma anche agli editoriali e ai pubbliredazionali dei vari magazine che ci mostrano le collezioni dei designer. Le passerelle sono necessariamente poco emozionali, se le si vive come “stampare volti a ripetizione”, ma sono, in realtà, un concentrato di emozioni: ansia da palcoscenico, mille cose da verificare e, soprattutto, i tempi serrati. Vanno a tutti i costi evitati i ritardi, per non rischiare che influencer e giornalisti si spostino subito alla successiva sfilata, con una grossa perdita di visibilità per lo stilista di turno.

intervista-valeria-orlando-make-up-artist-donatella-versace-anna-marchese-vor-makeup-newyork-fashion-week-ss-2017-02

Valeria Orlando Key Artist New York Fashion Week – ss 2016

Per chi, come me, vive questi ritmi da oltre venti anni,diventa qualcosa di cui non puoi fare a meno! L’adrenalina è veramente tanta e quando vedi le modelle pronte per entrare in passerella è un’emozione incredibile.

valeria-orlando-make-up-artist-spoff-nyfw-ss-2017

Valeria Orlando Key Artist Balkan Fashion Week- ss 2017 (ph: Teevon Tee)

Ma la moda non è solo sfilate: lavorando, ad esempio, per un editoriale o un redazionale con una o più modelle i tempi si dilatano parecchio: normalmente si ha da un’ora a un’ora e mezza per preparare la modella, ed il clima è molto più disteso, soprattutto se si lavora con un team consolidato, che conosce e apprezza il tuo lavoro.

editoriale-valeria-orlando

Editorial – Hair by Valeria Orlando

Il mondo dell’arte, come il mio progetto “Clownville”, poi, è tutt’altra storia: in questo caso,il concept è tuo ed è coordinato con il fotografo. e si sviluppa quindi in maniera personale e rilassata, senza tensione. L’obiettivo è quello di trasmettere visivamente ciò che la tua mente ha già creato: la tua VISIONE!”

valeria-orlando-eolo-perfido-clownville-make-up-teatrale-arte-clown

“Clownville”- ph: Eolo Perfido – make up: Valeria Orlando

Tra moda, cinema, tv, teatro, beauty, dov’è che va il tuo cuore? C’è qualcosa che ti ha fatto preferire la moda ad altro?

“Un solo grande amore può distogliermi dalla Moda e dal Beauty: l’ARTE, in tutte le sue varie sfaccettature.”

Sei stata la MUA personale di Donatella Versace, e di molte altre celebrity, quale credi sia stato il punto di forza che ha fatto preferire te ad altri?

“Credo che il mio spirito estroverso e la capacità di infondere fiducia siano state le doti che più mi hanno aiutata.La mia grande forza di volontà, quasi caparbietà, e la mia capacità innata di spingermi oltre, sono stati gli altri ingredienti che mi hanno permesso di raggiungere i miei obiettivi: amo le sfide!
Quando lavori con le celebrity, non devi solo essere tecnicamente preparata ma devi saper infondere fiducia all’ artista, devi essere un buono psicologo e conoscere i fondamenti della PNL, Programmazione Neuro Linguistica. E’ indispensabile essere anche un personal coach.”

intervista-valeria-orlando-madmood-mfw-ss-2017

Valeria Orlando during MADMOOD event- Milano Fashion Week ss 2017

Oltre ad essere rappresentata da agenzie di moda in diverse parti del mondo, hai creato tutto l’universo V)Or. Confrontandoti quotidianamente con la nuova generazione di allieve che frequentano le V)Or Academy e le nuove leve di truccatori, noti influenze che non ti piacciono provenienti dai tutorial e dai social?

“In alcuni casi registro tra le giovanissime poca predisposizione ad ascoltare i consigli di un veterano. La “tuttologia” impera e anche la troppa saccenza, che rende le nuove leve a tratti aggressive. In altri casi, invece, leggo fortemente la necessità, da parte di alcune giovani artiste, di legarsi ad un brand che non le faccia sentire numeri, che le guidi e le aiuti nella crescita, quasi a sostituire il valore tradizionale della FAMIGLIA. In ogni famiglia vengono trasmessi valori differenti, e anche nel mondo delle accademie make up, i principi e le metodiche insegnate possono variare. Per questo non mi sento di incolpare i giovani per il loro atteggiamento, piuttosto mi piacerebbe suscitare un risveglio emozionale sugli adulti, affinché tornino ad insegnare l’arte e l’amore per questo lavoro, e non a formare eserciti di pura manovalanza cosmetica.”

intervista-valeria-orlando-madmood-mfw-ss-2017-01

Valeria Orlando during MADMOOD event- Milano Fashion Week ss 2017

Avrei altre mille domande da porre a Valeria, ma, approfittando della sua gentilezza e disponibilità, avrò modo di snocciolargliele tutte nei nei mesi a venire: le chiederò come nasce Vor Make Up e delle mille opportunità che offre tutto il mondo Vor per chi desidera lavorare nel mondo del makeup.! Anzi, vi invito tutti a lasciare nei commenti domande, curiosità e perplessità che sicuramente girerò a Valeria Orlando durante le prossime interviste!

editorial backstage - cantoni make up station

editorial backstage – cantoni make up station

Grazie a Valeria per il tempo che mi ha dedicato. Spero di aver trovato la chiave giusta per cogliere, intervistando chi ha più esperienza di me, gli spunti migliori per far nascere, in chi si approccia al difficile ma affascinante lavoro del beauty artist, nuove idee e prospettive con un approccio più “human” possibile!


Se sei un make up artist o un appassionato di trucco e vuoi approfondire le tecniche o scoprire i segreti dei truccatori più famosi, visita il sito ebellezza.it e troverai:


Le immagini contenute in questo articolo sono coperte da copyright, coloro i quali trovino interessanti tali contenuti e intendono riproporli sono pregati di renderne notifica e segnalare la fonte originale attraverso appositi url.
Share
Anna Marchese

Anna Marchese

Trucco e scrivo, a qualsiasi ora del giorno e della notte, senza guardare ne’ l’orologio ne’ il calendario - http://www.annamarchese.it/about/ 

Lascia una risposta

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>